Logo ZenStore
Spugna Konjac: cos'è e come si usa

Spugna Konjac: cos'è e come si usa

- ZenStore

Namasté Zenine,
oggi parliamo di una novità tutta naturale da inserire assolutamente nella vostra beauty routine: la spugna Konjac!

Si tratta di un prodotto 100% naturale e biodegradabile ideale per la detersione profonda e l’esfoliazione della pelle di viso e corpo! Dura fino a tre mesi e, oltre a farti risparmiare, ti permetterà di rispettare l’ambiente.

È davvero efficace: la detersione è uno step fondamentale per avere una pelle luminosa, levigata e pronta a ricevere altri attivi!

Andiamo a conoscere nel dettaglio questo portentoso accessorio di bellezza: la spugna Konjac.

Cos’è la Konjac

La spugna Konjac viene ricavata dalla radice di una pianta perenne asiatica, l’Amorphophallus konjac (sotto ne troverete una foto). La parte edibile del Konjac è un bulbo-tubero che viene utilizzato da oltre 1000 anni nella cucina orientale. Si, avete capito bene: nella cucina. Avete mai sentito parlare di spaghetti che contengono solo 6Kcal? Gli Shirataki di Konjac. Bene, si tratta proprio della pianta da cui si ricava la spugna Konjac: in questo caso, però, il prodotto viene trasformato in un alimento dietetico utilizzato nelle diete dimagranti. Il segreto è la ricca presenza di glucomannano, un polisaccaride in grado di assorbire grandi quantità di acqua. Da qui il suo elevato potere saziante.


Amorphophallus konjac

Un tempo famosa come integratore alimentare, oggi la Konjac è sotto riflettori come prodotto naturale da utilizzare per la cura della pelle.

La spugna Konjac è un eccezionale spugna 100% vegetale dal potere esfoliante, adatta a tutti i tipi di pelle (anche quelle più delicate).

L’esfoliazione è uno step fondamentale per la salute e la bellezza della pelle. Se non lo hai mai fatto, ti renderai immediatamente conto di quanto sia efficace. In seguito all’esfoliazione, la pelle appare immediatamente più fresca e levigata. Una sensazione davvero piacevole.

Perché usare la spugna Konjac

L’esfoliazione con la spugna Konjac permette di:

  1. incentivare il rinnovamento cellulare: con estrema delicatezza, la spugna permette di eliminare lo strato di cellule morte, stimolando il normale ricambio cellulare. Questo permette di ottenere una pelle subito più luminosa e levigata. In presenza di macchie recenti e cicatrici, stimolare il rinnovamento cellulare è fondamentale per ridurre le discromie cutanee (quelle recenti);
  2. Stimolare la produzione di collagene: in questo modo potrete ritardare la comparsa delle rughe e la pelle apparirà più tonica e rimpolpata!
  3. Preparare la pelle ai trattamenti cosmetici successivi: la delicata esfoliazione, libera i pori ed elimina le impurità. Questo passaggio permette alla pelle di assorbire in maniera molto più efficace tutti i principi attivi dei cosmetici che utilizzerete dopo l’esfoliazione/detersione profonda: tonico, siero, crema;
  4. L'esfoliazione risulta importante in tutte le stagioni, tuttavia, nel passaggio dalle stagioni fredde a quelle calde, la pelle ha ancor più bisogno di rigenerarsi. Durante l'inverno, la pelle tende ad apparire più disidratata e lo strato corneo, costituito da cellule morte, è maggiore. per questo motvivo, durante i periodi di transizione, l'esfoliazione risulta essere un processo ancora più rilevante. Permette di avere una pelle più luminosa, ma, soprattutto, più sana!
  5. Non elimina l'abbronzatura: si tende a pensare che l'esfoliazione possa lavare via l'abbranzatura. Nulla di più falso, in realtà, facilitare l'eliminazione dello strato corneo superficiale garantisce un'abbronzatura omogenea e duratura!
  6. riequilibrare l’acidità della pelle grazie al suo pH alcalino;
  7. stimolare la microcircolazione. L’uso della Konjac (dopo vedremo nel dettaglio come utilizzarla correttamente) stimola la microcircolazione. Questo permette di avere una pelle più tonica e vitale.
  8. deterge in profondità e può essere utilizzata da sola, senza alcun detergente!
  9. elimina impurità e tracce di inquinamento. Non è adatta ad essere usata come spugna struccante. Ideale utilizzarla dopo essersi struccati, per eliminare ogni traccia di impurità. Inoltre, la spugna non assorbirebbe il trucco e durerebbe di meno!
  10. è economica e rispetta l’ambiente: con poco avrete a disposizione uno strumento di bellezza, 100% naturale, per mesi (la durata media della spugna è di 2-3 mesi. Molto dipende dalla corretta conservazione!). Inoltre, la spugna di Konjac è 100% biodegradabile!

Come si usa la spugna Konjac

Per ottenere i benefici dall’utilizzo della spugna di Konjac, è importante conoscerne il corretto utilizzo.

  • La spugna si presenta dura e compatta, di piccole dimensioni. Prima di ogni utilizzo dovrete immergere la spugna in acqua tiepida per circa 15 min. La spugna si idraterà e aumenterà un po’ di volume, diventando morbida. La superficie della spugna apparirà vischiosa: è il glucomannano contenuto nella pianta.
  • A questo punto, dopo averla idratata, la spugna è pronta per essere massaggiata sulla pelle. Procedi con un massaggio delicato e cercate di seguire movimenti circolari in modo da stimolare al meglio la microcircolazione. Potrea usare gli angoli per zone più delicate (la spugna può essere utilizzata anche nel contorno occhi, controrno labbra e naso, facendo attenzione a procedere in maniere molto delicata).
  • Utilizza la spugna sul viso e non dimenticare collo e décolleté! Se ne hai bisogno, insisti maggiormente nella zona T (fronte - naso - mento), aiutandovi con gli angoli della spugna;
  • La spugna è adatta a struccare. Tuttavia i residui di trucco, inoltre, diminuirebbero la durata della spugna. Io consiglio di utilizzarla dopo esservi struccate, per eliminare ogni residuo di trucco, anche nella zona perioculare;
  • Utilizzandola dopo esservi esposte all’aria calda (dopo la doccia o il bagno), otterrai una detersione ancora più profonda. I pori saranno aperti e l’eliminazione delle impurità cutanee più facile.
  • Puoi utilizzarla da sola, oppure con un detergente specifico. Se utilizzi il detergente, diminuiscine le dosi! Questo è un altro vantaggio.
  • Dopo l’uso, sciacquatela sotto acqua fredda corrente. Strizzala, ma non troppo energicamente: rischi di danneggiare le fibre della spugna diminuendone la durata!
  • Al termine della detersione, riponi la spugna seguendo le istruzioni del paragrafo successivo e termina la beauty routine con tonico e crema!
  • La frequenza con cui utilizzare la spugna è facoltativa. Potrai utilizzarla da un minimo di 2 volte alla settimana. Se sentite di averne più bisogno, soprattutto all’inizio, potrete aumentarne la frequenza di utilizzo.

  

Come si conserva la Konjac

Ogni Konjac presenta un cordino per essere conservata.

Affinché la spugna di Konjac duri a lungo e rimanga efficace, senza che sviluppi muffe, è necessario che si asciughi perfettamente dopo ogni utilizzo.

Per questo motivo ti suggerisco di non riporla in un ambiente umido come il bagno. L'ideale è lasciarla asciugare all’aperto: ci vorrà meno tempo e la spugna sarà perfettamente asciutta e pulita. Se proprio non hai alternativa, riponila in bagno, ma fai in modo che traspiri da ogni lato (non appoggianbdolo su una superficie chiusa, ad esempio)

Se la spugna non viene conservata bene, si deteriorerà più velocemente e rischierà di sviluppare muffe.

 

Konjac: tipologie per ogni tipo di pelle

In linea generale, la spugna di Konjac è adatta a tutti i tipi di pelle, anche a quelle più delicate (iene utilizzata anche per la detersione della pelle dei bambini!).

Tuttavia, la sua fama ha fatto sì che venisse ampliata la varietà di spugne Konjac. Così, dall’inserimento di altre materie prime vegetali, sono nate altre tipologie di spugne, più “specializzate” per le varie tipologie di pelle.

Ecco le tipologie di Konjac disponibili:

  • Spugna Konjac bianca: la versione “basic” adatta a tutti i tipi di pelle.
  • Spugna Konjac nera: arricchita con carbone vegetale attivo, questa spugna è particolarmente indicata per pelli grasse e impure, con tendenza acneica. Il carbone è infatti noto per le sue capacità dermopurificanti e assorbenti.
  • Spugna di Konjac verde scuro: arricchita con argilla verde, purificante, riequilibrante e tonificante. Adatta a pelli miste e grasse.
  • Spugna di Konjac verde chiaro: arricchite con tè verde. Ha capacità antiossidanti e tonificanti. È indicata per pelli spente e mature.
  • Spugna di Konjac rosa: arricchita con polvere di petali di rose. Per le pelli più delicate.
  • Spugna di Konjac viola: arricchita con estratti lavanda dall’azione calmante e lenitive, per pelli delicate con tendenza ad arrossamenti.
  • Spugna di Konjac gialla: arricchita con limone. La konjak gialla è ideale per pelli con imperfezioni e con pori dilatati. Ha proprietà astringenti, purificanti e schiarenti.
  • Spugna di Konjac azzurro: con aggiunta di aloe vera. Lenitiva e rigenerante. Indicate per la pelle secca.

Una gran bella varietà!

Non vi preoccupate. Se non avete le idee chiare, state tranquilli perché è davvero difficile sbagliare! La spugna di konjac è così straordinaria e delicata che si adatta proprio a tutti. Nel dubbio, scegli la versione basic.

Per me è stato amore al primo utilizzo: impossibile, poi, resistere alla voglia di accarezzarsi la pelle dopo qualche giorno di utilizzo: liscia e morbida come quella di un bambino!

Cosa ne pensi? Conoscevi già questa spugna? Di solito, cosa utilizzi per esfoliare la pelle? Scrivilo nei commenti!

 

La nostra simpatica mascotte Gaia ha deciso di provare la radice di Konjac... nella forma commestibile. Beh, assaggiare gli shiritaki potrebbe essere un'idea interessante!

 

Gaia mangia shiritaki

Condividi sui social Condividi su Facebook Condividi su Twitter