Logo ZenStore
Olio di semi di Broccoli

Olio di semi di Broccoli

- ZenStore

Namasté Zenine,
è sempre piacevole scoprire e sperimentare nuovi prodotti per la cura della pelle e dei capelli! Il protagonista dell'articolo di oggi è una vera e propria chicca in campo cosmetico: l’olio di semi di broccoli.

Vedo già la l'espressione perplessa, probabilmente la stessa che feci io quando un’amica me ne parlò per la prima volta. Ma, fidatevi: non c’è niente di disgustoso o di fantascientifico in questo prodotto! Piccola anticipazione: in cosmesi viene considerato come un sostituto naturale del silicone. Non male, vero?

Olio di semi di broccoli: un concentrato di nutrienti poco conosciuto

L’olio di broccoli si ottiene dai semi della pianta Brassica Oleracea Italica, che vengono lasciati germogliare per 4-5 giorni e poi pressati a freddo.

I germogli di semi di broccoli sono una miniera di vitamine, acidi grassi e minerali. In molti paesi sono considerati un superfood e vengono usati all’interno di insalate o nella produzione di integratori alimentari dalle funzioni antiossidanti.

Il successo degli ultimi anni di questo olio è dovuto al suo enorme bagaglio di nutrienti e alla sua composizione lipidica: Omega 3-6 e 9, vitamina A, C, K e vitamine del gruppo B, sostanze indispensabili per la salute e la bellezza di pelle e capelli.

Questi preziosi elementi lo rendono un olio estremamente nutriente, emolliente, antiossidante e condizionante, perfetto per la pelle matura e secca e dagli effetti “miracolosi” su capelli aridi, crespi e danneggiati.

Se è davvero così benefico perché non è così conosciuto come gli altri oli?

Perché ci sono oli che risultano più “appetibili” e di tendenza (pensa agli oli esotici di cocco o di argan) e perché l’idea di doversi spalmare sui capelli qualcosa che ha a che fare con i broccoli non è accattivante! Pensateci un attimo: è più “attraente” un prodotto cosmetico che riporta in etichetta l’immagine di un bel bouquet di broccoli o uno con un fiore colorato o un bel frutto succoso?!

A proposito, vi ho già raccontato di quella volta in cui mi sono imbattuta in una crema viso agli asparagi? Sul prodotto padroneggiava l’immagine di questo simpatico ortaggio: stimolò senz’altro la mia curiosità, ma inibì decisamente la mia voglia di acquistarlo. Insomma: l’asparago va bene per farci il risotto, non sulla mia faccia!

Per fortuna così non è stato con questo olio che si presenta come un olio setoso, vellutato e molto leggero. Si assorbe rapidamente e non lascia la pelle e i capelli né unti né appesantiti.

La mia perplessità era soprattutto sull’odore; ma anche in questo caso mi ha lasciato piacevolmente sorpresa: non puzza di broccoli; anzi, ha un profumo piuttosto neutro e che tende a svanire molto velocemente e che può facilmente essere mimetizzato con l’aggiunta di oli essenziali.

Olio di semi di broccoli: i benefici sui capelli

L’olio di semi di broccoli dà il meglio di sé sui capelli secchi, ribelli e crespi, ma anche sulle chiome trattate chimicamente e danneggiate, sia se usato da solo che insieme ad altri oli vegetali.

Come anticipato, la sua caratteristica principale è quella di simulare l’effetto dei siliconi sui capelli, dato il suo alto contenuto di acidi grassi e soprattutto di acido erucico. Queste sostanze avvolgono il capello come una sorta di pellicola facendolo apparire più lucido e brillante. Un’ottima notizia se hai paura di abbandonare i prodotti per capelli che contengono siliconi perché in fondo ti piace il loro effetto (illusorio!) levigante, lucidante e anticrespo.

L’olio di semi di broccoli ha anche tantissimi altri benefici:

  • Ha un effetto condizionante, rende i capelli più disciplinati e setosi. Rende la chioma lucida, vitale e districabile
  • Previene la comparsa di doppie punte grazie alle sue capacità nutrienti. Protegge i capelli dai continui stress ambientali e fisici (uso di phon, arricciacapelli, piastre).
  • Contrasta l’effetto crespo aiutando a domare i capelli ribelli, sia ricci che lisci. Prova a riscaldarne poche gocce tra le mani, passale nei capelli e poi spazzolali.
  • Massaggiato sul cuoio capelluto, stimola la crescita di capelli sani e robusti.
  • Aiuta a prevenire la forfora.
  • Nutre il cuoio capelluto secco e disidratato.

Olio di semi di broccoli: perché fa bene alla pelle?

Se hai la pelle secca, arida e poco elastica, prova ad iutilizzare quest'olio. Grazie alla sua azione nutriente, idratante ed antiossidante, aiuta a restituire alla pelle elasticità, luminosità e morbidezza, prevenendo la comparsa di rughe.

Puoi usarlo anche su pelle grassa e impura: non è comedogenico (non occlude i pori e non favorisce la comparsa di punti neri).

Usato sulla pelle, l'olio di semi di broccoli:

  • Idrata a fondo la pelle che tende a seccarsi facilmente, prevenendo la perdita di acqua.
  • Protegge la pelle dai danni degli stress ambientali come vento, inquinamento, sole.
  • Contrasta la comparsa di rughe. Grazie all’alto contenuto di vitamina A, C, Beta -carotene e acido linoleico (antiossidanti) che inibiscono gli effetti dei radicali liberi.
  • Dona sollievo in caso di infiammazioni, acne, psoriasi ed eczemi o arrossamenti da rasatura, grazie alla sua azione calmante e lenitiva.
  • Rende la pelle più morbida, idratata e fresca.
  • Previene la perdita di tono ed elasticità.

Olio di broccoli: come si usa su pelle e capelli

Dopo aver visto i benefici dell’olio di broccoli, andiamo a scoprire come poter sfruttare al meglio tutte le sue potenzialità.

Io preferisco usarlo da solo perché mi piace moltissimo l’effetto lucidante e ammorbidente sui capelli e la sua leggerezza sulla pelle, ma nulla ci vieta di mescolarlo con altri oli vegetali o essenziali, burri.

Come usarlo sulla pelle:

  • Applicane qualche goccia sulla pelle del viso pulita, sostituendo il siero e massaggia fino ad assorbimento, concentrandoti sulle aree più rugose e secche. Perfetto per un trattamento notte intensivo.
  • Massaggialo sulle zone più secche e ruvide come gomiti, ginocchia e talloni. Ne bastano pochissime gocce per ammorbidirle!
  • Per un effetto lenitivo e decongestionante, uniscilo all’olio di elicriso e massaggialo sulla pelle affetta da acne, arrossamenti o irritazioni.
  • Usalo anche sul collo per prevenire la comparsa delle classiche rughe orizzontali (chiamate per carineria anche “collane di Venere”) generate dal cedimento dei tessuti.
  • Aggiungilo a creme (dall’1% al 10%), sieri, lozioni e unguenti per potenziarne gli effetti idratanti ed antiage.
  • Uniscilo a burri e oli vegetali per renderli più leggeri e meno untuosi.
  • Usane una goccia sulle labbra per mantenerle idratate e scongiurare la secchezza.
  • Massaggialo su mani e cuticole per ammorbidirle e per rinforzare le unghie.
  • Usalo come olio da massaggio, perfetto per veicolare gli oli essenziali e altre sostanze attive.

Come usarlo sui capelli:

  • Effettua un impacco nutriente pre shampoo unendolo all’olio di cocco o di jojoba. Applicalo sui capelli inumiditi per circa un’ora e procedi poi al lavaggio.
  • Applicane pochissime gocce (2-3 sono sufficienti!) sulle punte asciutte e sulle lunghezze per contrastare il crespo, mantenerle lucide e nutrite e protreggerle.
  • Versane qualche goccia nel balsamo (dal 2% al 6%) o nello shampoo (dall’1% al 5%) per un effetto super condizionante ed idratante.

Olio di Broccoli: 3 ricette fai da te per capelli

Se sei curiosa di provare subito l’effetto dell’olio di semi di broccoli sui tuoi capelli, ti lascio qualche ricetta interessante, che puoi personalizzare a piacimento, soprattutto per quanto riguarda l’aggiunta degli oli essenziali.

Leave-in anticrespo e condizionante

Per realizzare un leave- in da applicare sui capelli crespi e secchi, occorrono:

  • 30 ml di olio di jojoba
  • 30 ml di olio di semi di broccoli
  • 5 ml cucchiaino di olio di cocco
  • 3 gocce di olio essenziale di lavanda
  • 3 gocce di olio essenziale di rosmarino
  • 3 gocce di olio essenziale di geranio

Riscalda leggermente a bagnomaria gli oli vegetali e mescolali bene. Spegni il fuoco e dopo averli fatti raffreddare, aggiungi gli oli essenziali, amalgamando il tutto. Trasferisci l’olio ottenuto in una bottiglietta di vetro scuro con erogatore ed applicane un paio di gocce sui capelli asciutti o umidi, per mantenerli nutriti, lucidi e soffici. Si conserva in un luogo fresco per 3-4 mesi.

Impacco nutriente pre-shampoo

Se hai i capelli particolarmente danneggiati e crespi, prova questo impacco da fare prima dello shampoo. Ti suggerisco un mix di 4 oli vegetali, da miscelare nelle stesse proporzioni. la quantità dipende sempre dalla lunghezza dei tuoi capelli.

  • 15 ml Olio di broccoli
  • 15 ml Olio di argan
  • 15 ml Olio di cocco
  • 15 ml Olio di ricino
  • 10 gocce di oli essenziali: geranio, sandalo o ylang ylang (facoltativi)

Mescola insieme e unisci qualche goccia di olio essenziale di geranio, sandalo o ylang ylang (perfetti per capelli rovinati e sfibrati). Vaporizza sui capelli un po’ di acqua o un idrolato e applica la soluzione ottenuta sia sul cuoio capelluto che su tutte le lunghezze e sulle punte. Avvolgi i capelli con una cuffia e lascia in posa per almeno un’ora. Infine procedi allo shampoo e all’asciugatura. Consiglio in più: per togliere perfettamente l’olio dai capelli senza il rischio di lasciarli unti, fai una prima passata di balsamo e poi usa lo shampoo.

Trattamento disciplinante per capelli crespi e secchi

Effettuato regolarmente, questo impacco ti aiuterà a mantenere i capelli sani e disciplinati, contrastando l’effetto crespo:

  • 15 ml cucchiaio di olio di broccoli
  • 30 ml cucchiai di olio di avocado
  • 30 ml cucchiai di olio di cocco
  • 15 ml cucchiaio di gel di aloe vera
  • 10-12 gocce di olio essenziale di ylang ylang

In un flacone mescola gli oli e aggiungi il gel di aloe e l’olio di ylang ylang. Agita energicamente per farli amalgamare e prelevane una piccola dose. Massaggialo sul cuoio capelluto e distribuiscilo dalle lunghezze, fino alle punte. Lascia agire per un paio di ore e procedi allo shampoo.

Ora, non ti resta altro che provarlo! Dopo aver sperimentato i suoi effetti, direi che l’espressione “Cavoli!” calza decisamente a pennello!

Condividi sui social Condividi su Facebook Condividi su Twitter