Logo ZenStore
I prodotti naturali hanno effetti collaterali?

I prodotti naturali hanno effetti collaterali?

- ZenStore

Namasté!

Ho deciso di intraprendere il viaggio alla scoperta del benessere naturale sicuro e consapevole con un tema poco discusso. Ricordate il motto "siate artefici del vostro benessere"? Credo che questo articolo sia un buon inizio!

Oggi vorrei affrontare una questione che mi sta molto a cuore: i prodotti naturali non sono innocui, come molti pensano. È proprio in virtù della loro efficacia e delle loro proprietà che i prodotti naturali vanno usati con accortezza e buon senso. Solo così potremo ricavarne tutti gli effetti benefici senza incappare in qualche possibile controindicazione!
Evitiamo dunque di applicare l’equazione Naturale=Sicuro a tutti i prodotti naturali e cerchiamo invece di capire come comportarci.

La regola principale da seguire è quella di leggere attentamente la scheda del prodotto e le controindicazioni riportate, così da essere sicuri di usarlo nel modo giusto. Dalla scheda sarà possibile capire se e quanto un prodotto può essere pericoloso, ma anche come usarlo per evitare gli effetti negativi e goderci tutti vantaggi che ci può offrire.

Ma passiamo ad una serie di “linee guida” di base sul come comportarsi con questi prodotti e con quali fare più attenzione.

  • OLI ESSENZIALI

Gli oli essenziali sono dei veri è propri concentrati di principi attivi. Essi vengono confezionati in bottigliette da 5 e 10 ml proprio perché bastano solo poche gocce per godere delle loro proprietà. Gli oli essenziali non devono essere MAI utilizzati PURI sulla pelle, leggete anzi attentamente in che modo essi vanno diluiti prima di procedere al loro utilizzo!

Inoltre è da evitare un utilizzo interno sconsiderato: vanno usati per uso interno solamente dopo aver consultato il proprio medico di fiducia, anche quando gli oli puri vengono considerati adatti al consumo alimentare.

Vedi anche la nostra Breve guida agli oli essenziali.

  • ACIDI

Anche gli acidi, come l’acido glicolico e l'acido mandelico, vanno utilizzati con la massima accortezza. Non superate mai la dose consigliata. L’acido finirebbe per danneggiare la pelle e provocare, nelle peggiori delle ipotesi, ustioni e cicatrici. Inoltre, non applicate mai prodotti contenenti acidi in caso di esposizione al sole! Sono fotosensibilizzanti (rendono, cioè, la pelle più sensibile a e reattiva all'esposizione solare) e usarli in momenti sbagliati (al mattino) potrebbe causare il problema per cui li state usando (macchie/iperpigmentazione cutanea).
Una sorta di effetto collaterale paradosso, per cui il prodotto va ad esacerbare il problema per cui lo si usa: in questo caso, se usate gli acidi per il trattamento delle macchie (iperpigmentazione cutanea) e lo applicate prima di esporvi al sole, questo potrebbe peggiorare la comparsa di macchie sulla pelle anziché ridurla!
Per quanto riguarda le vostre preparazioni personali, il consiglio che ci sentiamo di darvi è: controllate il pH delle preparazioni che, preferibilmente, non deve essere inferiore a 4.

Se non siete esperti inoltre evitate di preparare creme notte o similari a pH bassi o con alte concentrazione di acidi, cercate, anzi, di restare sempre davanti ad uno specchio per tutta la durata del peeling. In questo modo, in caso di bruciori esagerati o irritazioni, si potrà agire velocemente risciacquando con una soluzione basica (ad esempio con bicarbonato di sodio) per neutralizzare l’acido!

  • ERBE OFFICINALI

Anche una semplice tisana necessita di un uso sensato. Ovviamente gran parte delle tisane non creeranno problemi, anche se consumate più volte al giorno. Per altre invece, dai principi attivi molto forti, sarebbe preferibile assumerle in maniera oculata: il trucco sta sempre nel leggere attentamente la descrizione del prodotto o chiedere consigli al nostro staff!

Ma vediamone qualcuna in dettaglio:

  • Senna: ha un potente effetto lassativo. Si usa in caso di stitichezza occasionale. Si comincia ad utilizzarla in piccole dosi monitorando le reazioni dell'organismo. Un uso improprio potrebbe avere effetti collaterali paradossi, ovvero accentuare il problema per cui lo state utilizzando, e irritare ulteriormente il vostro sistema digerente. Quindi, usatela sempre in piccole dosi e per periodi non prolungati.
     
  • Salice bianco: contiene acido salicilico (quello alla base dell’acido acetilsalicilico dell’aspirina, per intenderci). Utile quindi per alleviare dolori quali: mal di testa, mal di schiena, febbre, dolori mestruali. Ma, se avete problemi di gastrite, anche lieve, o soffrite di reflusso gastroesofageo, o infiammazioni dell’intestino, optate per altri rimedi. Non superate le dosi consigliate ed evitate l’uso in gravidanza e in caso di malattie renali; inoltre, da non far mai assumere ai bambini.
     
  • Erbe officinali che contengono teina (caffeina) e simili. Alcuni esempi sono forniti da: Yerba mate (contiene mateina, una sostanza simile alla caffeina) e dal tè rosso Yunnan Pu Erh. La teina è una sostanza eccitante che stimola il sistema nervoso e aiuta ad aumentare concentrazione e attenzione. Questi effetti possono essere positivi e vantaggiosi per: sportivi, studenti e per chiunque voglia superare una fase di stanchezza e affaticamento. Soprattutto durante i cambi di stagioni, un po' tutti cerchiamo un aiuto a quel fastidioso senso di stanchezza che ci farebbe dormire tutto il giorno! Ci sono, però, categorie di persone che devono stare attente ai prodotti "stimolanti": chi soffre di ansia, insonnia, nervosismo, palpitazioni dovrebbe evitare o comunque ridurre il consumo di bevande che contengono caffeina. Insomma, se siete soggetti un po' ansiosi e state affrontando un periodo particolarmente stressate, optate per una bella tisana di tiglio!
  • FITOESTROGENI

Ci sono prodotti naturali che contengono fitoestrogeni, o estrogeni vegetali. Si tratta di sostanze dalla struttura simile a quella degli ormoni femminili. I fitoestrogeni si trovano in alimenti quali: soia, cereali, legumi, noci, crucifere. Insomma, li consumiamo tutti i giorni. Li ritroviamo in: fieno greco, proteine della soia, proteine del grano, olio di germe di grano. Sugli effetti dei fitoestrogeni sull'organismo umano, le discussioni e gli studi sono tuttora in corso.
Non avendo raggiunto una conclusione certa e definitiva, ci sono categorie di persone che dovrebbero far attenzione all'utilizzo anche topico (esterno) di questi prodotti: donne in gravidanza e allattamento, donne con endometriosi o in presenza di ipotiroidismo. Soprattutto se rientrate in queste categorie, chiedete un consulto del vostro medico prima di farne uso!

Conclusioni

Infine  ricordiamo sempre che anche i prodotti naturali possono provocare reazioni allergiche. Pertanto, soprattutto se si è soggetti particolarmente sensibili, un test di tollerabilità è un obbligo!

Un test per la sensibilità consiste nell’applicazione di un prodotto sulla pelle, sempre nelle modalità consigliate, e aspettare per notare l’eventuale comparsa di reazioni allergiche. Se avete applicato un prodotto sulla pelle e cominciate a sentire bruciore e/o prurito, quel prodotto non fa per voi. Risciacquatelo subito via e mettetelo da parte.

Nel caso in cui stiate effettuando cure farmacologiche, fate attenzione alle interazioni del prodotto naturale con i principi attivi del/i farmaco/i. Consultate il vostro medico e chiedetegli se, come e quanto potete utilizzarne, specie se il prodotto mira a scopi simili a quelli per cui state già effettuando delle cure.

Insomma, "i prodotti naturali non sono un'opinione".

Sono un incredibile concentrato di principi attivi capace di aiutare il vostro corpo e la vostra mente. Sono un must have per chiunque decida di fare la grande svolta, il passo per apportare un cambiamento significativo alla propria qualità di vita abbandonando i prodotti sintetici a favore di quelli naturali. Ma le vere parole chiavi per ottenere tutto questo sono due: Consapevolezza e Buon Senso.

In futuro parleremo di altre indicazioni per un utilizzo accorto dei prodotti naturali, così che tutti possano beneficiare della loro incredibile efficacia senza paura.

E voi? Avete qualche consiglio per le neofite per evitare qualche errore in cui siete incappate?
Scrivetecelo nei commenti!

Condividi sui social Condividi su Facebook Condividi su Twitter